Tuesday, 5 March 2013

afa e sangue

che
le sirene lontane non debbano
a te il loro fragore
in una notte d'afa e sangue insonne
imploro
cerco la cura
per l'avvenire
me stessa
ed il verbo che affoga.
e' nel tacere che avvampa
l'alito dell'errore,
quieto mi parla
spiega:
sei fatta di fuoco, mia signora,
ma inchinati al perdono
sposa cadavere.
esigilo e donalo
in quell'alba d'amore alla quale ti risveglierai.

6 comments:

Serena S. Madhouse said...

brividi caldi...

ASTRONAUTA. said...

bella.

milnesium tardigradum said...

Chapeau

occhio sulle espressioni said...

Un tormento forte, ma sempre "bivalore".

Tiziano G. (Tici) said...

Grazie. E' tardi e passavo di qua. tento di dormire ma non è facile. insonnia non bene... mah, complimenti, belle parole. Notte' Tz

'se fossi fuoco arderei il mondo' said...

sirene che ardite ardiscono a sublimare il piacere..
quale fiamma che forse distratta avvampa corpi spumeggianti..
per calmare codesto trambusto
l'Ulisse furioso deve chiedere redenzione..per varcare la soglia di un piacere assopito..


se vuoi passa da me